Contenzioso

La gravidanza nel periodo di preavviso non annulla il licenziamento

di Giuseppe Bulgarini d'Elci

Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus

Se lo stato di gravidanza insorge nel periodo di preavviso, dopo che la lavoratrice è già stata destinataria della lettera di licenziamento, la condizione di gestante non è idonea a determinare la nullità del recesso datoriale.

La Corte di cassazione afferma questo principio con l'ordinanza 9268/2019, nella quale spiega come lo stato di gravidanza insorto durante il periodo di preavviso non costituisca causa di nullità del licenziamento intimato prima che la lavoratrice sviluppasse tale condizione...