L'esperto rispondeRapporti di lavoro

Lavoro autonomo con extracomunitario

di Antonio Carlo Scacco

La domanda

Uno studio di architettura italiano intende accogliere per la durata di un anno un architetto cinese, ma non vi è in essere un contratto di rete che giustifichi distacco. Ci si chiede se esista una modalità di regolarizzazione della posizione dello straniero che possa fargli ottenere permesso di ingresso in Italia.

Il cittadino extracomunitario che vuole svolgere in Italia attività di lavoro autonomo deve richiedere apposito visto per motivi di lavoro autonomo (per conoscere i recapiti di presentazione consultare il sito dell’ambasciata italiana a Pechino). Per richiederlo, trattandosi di professione per la quale è richiesta la iscrizione ad apposito Albo, dovrà ottenere per procura apposita dichiarazione da parte della Autorità amministrativa di riferimento che non sussistono motivi ostativi al rilascio del...