L'esperto rispondeRapporti di lavoro

Cambio contratto collettivo con votazione lavorato

di Giampiero Falasca

La domanda

In un'azienda, non iscritta ad alcuna associazione datorile, in cui sono presenti 42 dipendenti di cui 28 iscritti ad un'unica OO.SS., si è raggiunto un accordo in base al quale si abbandona l'attuale Contratto Aziendale siglato con la stessa OO.SS. e si aderisce a Contratto Nazionale, disciplinando armonizzazione con Contratti II Livello. La condizione è che la maggioranza dei lavoratori votino a favore di tale passaggio. In caso di votazione in assemblea, se non si presentano tutti i lavoratori, e dei presenti votanti la metà accetta il passaggio, tale volontà avrebbe validità per tutti, anche i non votanti oppure la metà deve essere valutata su tutto il personale? In pratica chi stabilisce la maggioranza? esistono delle regole?

Le regole di efficacia dei contratti collettivi aziendali sono definite nel c.d. Testo Unico sulla Rappresentanza sottoscritto da Confindustria, CGIL, CISL e UIL il 10 gennaio 2014. Il Testo Unico dispone che i contratti collettivi aziendali approvati dalle rappresentanze sindacali aziendali che detengono la maggioranza delle deleghe conferite dai lavoratori dell’azienda nell’anno precedente a quello della stipula, devono essere sottoposti al voto dei lavoratori; il referendum è promosso dalle rappresentanze...