L'esperto rispondeAgevolazioni

Regime impatriati quali condizioni d’accesso per chi è rientrato nella seconda metà del 2023

di Marcello Ascenzi

La domanda

Un cittadino italiano, che ha vissuto all’estero negli ultimi 2 anni, è rientrato in Italia, con residenza al nord, a partire dal 25 agosto 2023. Assunto presso un’azienda italiana a partire dal 1.10.2023, esercita una professione per cui ha conseguito una laurea specialistica e chiede l’applicazione dell’agevolazione fiscale prevista per i rimpatriati (regime impatriati). Tale agevolazione (70%) sarà inserita in busta paga a partire dal 1.1.2024 e fino al 31.12.2028. In questo caso, a partire dal 2024, si potranno ancora applicare le condizioni e i requisiti attualmente previsti per i rimpatriati?

Il regime degli impatriati, disciplinato dall’art. 16 del D.lgs. 147/2015, prevede la non concorrenza alla formazione del reddito complessivo del 70% del reddito di lavoro per i dipendenti che trasferiscono la residenza fiscale, nelle regioni del centro nord Italia, oppure del 90%, per i trasferimenti nelle regioni del sud Italia. Il riconoscimento del regime è subordinato a una serie di condizioni e adempimenti, inclusa la presenza di un collegamento tra il trasferimento in Italia e l’inizio dell...