L'esperto rispondeRapporti di lavoro

Ente Religioso e richiesta FIS per ristrutturazione

Un ente religioso può accedere al Fis per causali straordinarie dovendo procedere a lavori di ristrutturazione dell'immobile?

immagine non disponibile

di Alessandro Necchio

La domanda

Un ente religioso esercente attività di assistenza residenziale per anziani e disabili (CCNL Agidae; cod.autorizzazione inps 0J - CSC 70704 - codice Ateco 873000) dovendo procedere a lavori di ristrutturazione dell'immobile per efficientamento energetico (rifacimento manti di copertura, sostituzione caldaia con caldaia a condensazione e pompe di calore, sostituzione infissi adeguamento impianto radiante, elettrico e gas etc.) può accedere al Fis per causali straordinarie, registrando negli ultimi sei mesi un numero di dipendenti inferiore a quindici?

La legge di bilancio 2022 n.234/2021 ha introdotto una riforma degli ammortizzatori sociali prevedendo, tra gli altre norme modificate, un ampliamento della platea del Fondo di Integrazione salariale e della contribuzione dovuta al fondo. Successivamente con il decreto del ministero del lavoro del 21 Luglio 2022 pubblicato nella gazzetta ufficiale n. 220 del 20 Settembre 2022 è stato dato corso alle modifiche introdotte. In riferimento al quesito posto, il decreto citato all'art. 6 comma 1 prevede che "Ai datori di lavoro di cui all'art. 2 che occupano mediamente fino a 15 dipendenti nel semestre precedente, l'accesso all'assegno di integrazione salariale puo' essere riconosciuto per le causali ordinarie e straordinarie". Pertanto se l'azienda ha una media di dipendenti fino a 15 nel momento di effettuazione della domanda di accesso al FIS potrà accedere anche alle causali straordinarie.

Per saperne di piùRiproduzione riservata ©