Contenzioso

Il licenziamento economico è legittimo se la riorganizzazione è effettiva

Per il giustificato motivo oggettivo serve un nesso di causalità tra le esigenze addotte dal datore e il recesso. È necessario che il lavoratore non possa essere adibito a mansioni compatibili

di Marcello Floris

È illegittimo il licenziamento per giustificato motivo oggettivo, fondato su esigenze di risparmio, se non viene indicato perché la scelta cade su uno specifico dipendente. L’impresa, infatti, deve prendere in considerazione anche altre posizioni che hanno ruoli comparabili. È quanto ha affermato la Cassazione nell’ordinanza 31660 del 14 novembre 2023. La Corte ha rilevato che la decisione di appello si era limitata ad asserire che, accertato il passivo di bilancio, il licenziamento del lavoratore...